Cantina

In questa settore della produzione non abbiamo nulla di particolarmente moderno o rivoluzionario da proporre o da celare. Non abbiamo concentratori, senza con questo biasimarli, così come non pratichiamo salassi. Per le partite migliori abbiamo invece, già da molti anni, delle vasche di acciaio basse e larghe che ci permettono estrazioni generose e allo stesso tempo dolci e progressive. Abbiamo anche vasche di forma più tradizionale, dove da alcuni anni pratichiamo il déléstage, e siamo dotati di vasche in cemento che riteniamo particolarmente utili nei mesi che seguono il taglio finale e precedono l’imbottigliamento. 

A partire dalla vendemmia 2003, dopo una serie di prove risalenti all’inizio degli anni ‘90, abbiamo reintrodotto, su alcune partite di uve rosse, la fermentazione in barrique con follature manuali e senza controllo di temperatura, per cercare, più ancora che in passato, di dare all’uva e alla terra la parola finale.

In abbinamento alle presse, per le piccole partite utilizziamo anche il torchio.